Menopausa: affrontarla nel modo corretto

Menopausa: affrontarla nel modo corretto

Panoramica

La menopausa è il momento che segna la fine dei cicli mestruali. Viene diagnosticata dopo 12 mesi di assenza di mestruazioni. La menopausa può arrivare a 40 o 50 anni, ma l’età media in Europa è di 51 anni

La menopausa è un processo biologico naturale. Ma i sintomi fisici, come le vampate di calore, e quelli emotivi della menopausa possono disturbare il sonno, provocare stanchezza o influire sulla salute emotiva. Esistono molti trattamenti efficaci, dagli aggiustamenti dello stile di vita alla terapia ormonale.        Puoi leggere questo articolo per approfondimento sull’impatto della menopausa sulla salute delle donne.

I sintomi

Nei mesi o negli anni che precedono la menopausa (perimenopausa), si possono manifestare questi segni e sintomi:

  • mestruazioni irregolari;
  • secchezza vaginale;
  • vampate di calore;
  • brividi di freddo;
  • sudorazione notturna;
  • problemi di sonno;
  • cambiamenti d’umore;
  • aumento di peso e rallentamento del metabolismo;
  • assottigliamento dei capelli e pelle secca;
  • perdita di pienezza del seno.

I segni e i sintomi, compresi i cambiamenti delle mestruazioni, possono variare da una donna all’altra.

Il salto delle mestruazioni durante la perimenopausa è comune e previsto. Spesso le mestruazioni saltano un mese e poi ritornano, oppure saltano diversi mesi e poi ricominciano i cicli mensili per alcuni mesi. Le mestruazioni tendono inoltre ad avere cicli più brevi, quindi più ravvicinati. Nonostante le mestruazioni irregolari, la gravidanza è possibile.

Quando rivolgersi al medico

Le visite dovrebbero essere sempre regolari e comunque oggi c’è la possibilità di consultare la dottoressa ginecologa preventivamente online per qualsiasi dubbio o chiarimenti.

La ginecologa, oltre ai normali esami di prevenzione potrebbe consigliare anche altri test ed esami, tra cui l’esame della tiroide, se suggerito dall’anamnesi, e gli esami del seno e della pelvi.

E’ altamente consigliabile consultare un medico se si verificano perdite di sangue dalla vagina dopo la menopausa.

Cause

La menopausa può essere causata da:

  • Calo naturale degli ormoni riproduttivi. Verso i 30 anni le ovaie iniziano a produrre meno estrogeni e progesterone, gli ormoni che regolano le mestruazioni, e la fertilità diminuisce.
  • A partire dai 40 anni, le mestruazioni possono diventare più o meno lunghe, più o meno pesanti, più o meno frequenti, fino a quando, in media all’età di 51 anni, le ovaie smettono di rilasciare ovuli e non si hanno più mestruazioni.
  • Intervento chirurgico di rimozione delle ovaie (ooforectomia). Le ovaie producono ormoni, tra cui estrogeni e progesterone, che regolano il ciclo mestruale. L’intervento chirurgico di rimozione delle ovaie provoca la menopausa immediata. Le mestruazioni cessano ed è probabile che si verifichino vampate di calore e altri segni e sintomi della menopausa. I segni e i sintomi possono essere gravi, poiché i cambiamenti ormonali si verificano bruscamente anziché gradualmente nel corso di diversi anni.
  • L’intervento chirurgico che rimuove l’utero ma non le ovaie (isterectomia) di solito non causa una menopausa immediata. Anche se non si hanno più le mestruazioni, le ovaie continuano a rilasciare ovuli e a produrre estrogeni e progesterone.
  • Chemioterapia e radioterapia. Queste terapie antitumorali possono indurre la menopausa, causando sintomi come le vampate di calore durante o subito dopo il trattamento. L’interruzione delle mestruazioni (e della fertilità) non è sempre permanente dopo la chemioterapia. La radioterapia influisce sulla funzione ovarica solo se le radiazioni sono dirette alle ovaie. La radioterapia di altre parti del corpo, come il tessuto mammario o la testa e il collo, non influisce sulla menopausa.
  • Insufficienza ovarica primaria. Circa l’1% delle donne entra in menopausa prima dei 40 anni (menopausa precoce). La menopausa precoce può derivare dall’incapacità delle ovaie di produrre livelli normali di ormoni riproduttivi (insufficienza ovarica primaria), che può derivare da fattori genetici o da una malattia autoimmune. Spesso, però, non è possibile individuare alcuna causa di menopausa precoce. Per queste donne, la terapia ormonale è generalmente raccomandata almeno fino all’età naturale della menopausa, al fine di proteggere il cervello, il cuore e le ossa.

Complicazioni

Dopo la menopausa, il rischio di alcune condizioni mediche aumenta. Alcuni esempi sono:

  • Malattie cardiovascolari Quando i livelli di estrogeni diminuiscono, aumenta il rischio di malattie cardiovascolari. Le malattie cardiache sono la principale causa di morte nelle donne e negli uomini. È quindi importante fare esercizio fisico regolare, seguire una dieta sana e mantenere un peso normale.
  • Osteoporosi. Questa condizione fa sì che le ossa diventino fragili e deboli, con conseguente aumento del rischio di fratture. Nei primi anni dopo la menopausa, la densità ossea può diminuire rapidamente, aumentando il rischio di osteoporosi. Le donne in postmenopausa affette da osteoporosi sono particolarmente soggette a fratture della colonna vertebrale, delle anche e dei polsi.
  • Incontinenza urinaria. Con la perdita di elasticità dei tessuti della vagina e dell’uretra, si possono verificare frequenti, improvvisi e forti stimoli a urinare, seguiti da una perdita involontaria di urina (incontinenza da urgenza) o dalla perdita di urina con la tosse e il riso (incontinenza da sforzo). È possibile che si verifichino con maggior frequenza infezioni del tratto urinario.

Il rafforzamento dei muscoli del pavimento pelvico con gli esercizi di Kegel e l’uso di un estrogeno vaginale topico possono aiutare ad alleviare i sintomi dell’incontinenza. Anche la terapia ormonale può essere un’opzione di trattamento efficace per i cambiamenti del tratto urinario e della vagina in menopausa che possono causare incontinenza urinaria.

  • Funzione sessuale. La secchezza vaginale, dovuta alla diminuzione della produzione di umidità e alla perdita di elasticità, può causare disagio e lievi perdite di sangue durante i rapporti sessuali. Inoltre, si può assistere ad un calo della libido.

Le creme idratanti e i lubrificanti vaginali a base d’acqua possono essere d’aiuto. Se un lubrificante vaginale non è sufficiente, molte donne traggono beneficio dall’uso di un trattamento estrogenico vaginale locale, disponibile come crema, compressa o anello vaginale.

  • Aumento di peso. Molte donne aumentano di peso durante la transizione menopausale e dopo la menopausa perché il metabolismo rallenta. Potrebbe essere necessario mangiare meno e fare più esercizio fisico, solo per mantenere il peso attuale.

Diagnosi

I segni e i sintomi della menopausa sono di solito sufficienti a far capire alla maggior parte delle donne che è iniziata la transizione menopausale.

In genere non sono necessari esami per diagnosticare la menopausa. Tuttavia, in determinate circostanze, il medico può consigliare di effettuare esami del sangue per verificare il livello degli:

  • ormoni follicolo-stimolante (FSH) ed estrogeni (estradiolo), perché i livelli di FSH aumentano e quelli di estradiolo diminuiscono con la menopausa;
  • ormoni tiroidei (TSH), perché una tiroide poco attiva (ipotiroidismo) può causare sintomi simili a quelli della menopausa.

Sono disponibili test da banco per controllare i livelli di FSH nelle urine. Questi test possono indicare se i livelli di FSH sono elevati e se si è in perimenopausa o in menopausa. Tuttavia, poiché i livelli di FSH aumentano e diminuiscono nel corso del ciclo mestruale, i test casalinghi per l’FSH non sono in grado di dire se ci si trova o meno in una fase di menopausa con certezza.

Il trattamento

La menopausa non richiede un trattamento medico. I trattamenti si concentrano invece sull’attenuazione dei dei sintomi e sulla prevenzione o gestione delle condizioni croniche che possono insorgere con l’invecchiamento. I trattamenti possono comprendere:

  • Terapia ormonale. La terapia con estrogeni è l’opzione terapeutica più efficace per alleviare le vampate di calore della menopausa. A seconda dell’anamnesi personale e familiare, il medico può consigliare l’uso di estrogeni nella dose più bassa e nel periodo di tempo più breve necessari per alleviare i sintomi. Normalmente è coadiuvato con un progestinico. Gli estrogeni aiutano anche a prevenire la perdita di massa ossea. L’uso a lungo termine della terapia ormonale può comportare alcuni rischi cardiovascolari e di cancro al seno. Per cui prima di iniziare qualsiasi trattamento è bene consultare un medico specialista per valutare benefici e rischi.
  • Estrogeni vaginali. Per alleviare la secchezza vaginale, gli estrogeni possono essere somministrati direttamente in vagina con una crema, una compressa o un anello vaginale. Questo trattamento rilascia solo una piccola quantità di estrogeni, che vengono assorbiti dai tessuti vaginali. Può contribuire ad alleviare la secchezza vaginale, il disagio durante i rapporti sessuali e alcuni sintomi urinari.
  • Antidepressivi a basso dosaggio. Alcuni antidepressivi appartenenti alla classe dei farmaci chiamati inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) possono ridurre le vampate di calore in menopausa. Un antidepressivo a basso dosaggio per la gestione delle vampate di calore può essere utile per le donne che non possono assumere estrogeni per motivi di salute o per le donne che hanno bisogno di un antidepressivo per un disturbo dell’umore.
  • Farmaci per prevenire o trattare l’osteoporosi. A seconda delle esigenze individuali, il medico può consigliare farmaci per prevenire o trattare l’osteoporosi. Sono disponibili diversi farmaci che aiutano a ridurre la perdita di massa ossea e il rischio di fratture. Il medico potrebbe prescrivere integratori di vitamina D per aiutare a rafforzare le ossa.

Prima di decidere di sottoporsi a qualsiasi forma di trattamento è bene parlare con la ginecologa e valutare tutte le possibili scelte e rivedere ogni anno le possibili opzioni, poiché la condizione personale può cambiare di anno in anno.